Svezzamento della bottiglia di andare a dormire

Parlo spesso con i genitori di bambini piccoli, e anche alcuni bambini in età prescolare, che mi dicono che il loro piccolo ha ancora una bottiglia prima di coricarsi e/o per tutta la notte. Quasi tutti dicono che vorrebbero svezzare questa abitudine, ma che la bottiglia è una parte integrante della routine del sonno sono troppo spaventati per tentarlo. Ecco la mia guida passo-passo per diventare senza bottiglia.

Mentre l’apprensione dei genitori per la perdita della bottiglia è del tutto comprensibile – specialmente quando il sonno è già sufficientemente impegnativo per una famiglia per essere in contatto con un consulente del sonno – è spesso che la bottiglia stessa è una grande parte del problema. Se un bambino si affida a una bottiglia per addormentarsi prima di coricarsi, può diventare qualcosa che il piccolo sente di cui ha bisogno per dormire. Bambini, anche quelli che “dormono” (la frase peggiore di sempre!), do wake-tutti gli esseri umani fanno, più volte ogni notte, infatti. È una funzione biologica di base che ci tiene al sicuro. Quando un bambino ha bisogno di una certa cosa per sistemarsi a dormire, è un’aspettativa giusta e ragionevole che ne avranno bisogno almeno un paio di volte durante la notte. Questo è il motivo per cui lavoro con i genitori di bambini più grandi che possono ancora bere tre bottiglie di latte durante la notte – i genitori sanno che il loro piccolo non ha bisogno di questo latte dal punto di vista nutrizionale, e spesso, l’appetito diurno del bambino è influenzato negativamente, ma il commento che sento è sempre sulla stessa linea: “non possiamo farla tornare a dormire senza darle la bottiglia”. In questi scenari, i mangimi per il latte si sono allineati con la veglia di un bambino rispetto alla loro fame – e la veglia è la cosa che non va oltre nel tempo. In questi scenari, sostenere il piccolo ad addormentarsi senza la bottiglia è la chiave-non solo in modo che la famiglia possa beneficiare di un sonno migliore, ma anche perché l’uso della bottiglia che si estende bene nel secondo anno può avere una serie di altri aspetti negativi.

Il tempismo è tutto

Il Dipartimento della Salute consiglia di introdurre il tuo bambino in una tazza da circa sei mesi, con l’obiettivo di aver smesso di usare le bottiglie del tutto entro il primo compleanno del tuo piccolo. In realtà, non sono solo le bottiglie che gli esperti dicono che dovrebbero essere eliminate entro la fine del primo anno – tazze con una valvola di non fuoriuscita, mentre è probabile che creino meno confusione, inibiscono un piccolo che impara a sorseggiare piuttosto che succhiare le bevande. Idealmente, i becher delle valvole saranno bypassati del tutto con un piccolo avvio utilizzando una tazza a flusso libero. Per i genitori preoccupati un 6 mesi con una tazza a flusso libero è una ricetta per pasticcio, le versioni a due manici offrono piccole mani un maggiore livello di controllo.

Ma anche se ci sono alcune fuoriuscite mentre un piccolo si mette alle prese (letteralmente!) con una sippy-cup, vale davvero la pena di posizionare il bambino per essere senza tettarelle entro la fine del loro primo anno. La pluripremiata igienista dentale, Anna Middleton (the London Hygienist), spiega perché: “Non è il succhiare in giovane età che è un problema – che è il meccanismo naturale di comfort di un bambino. È la frequenza di succhiare qualcosa per un certo numero di anni che causa problemi, specialmente se continua dopo che i denti da latte sono caduti. Alcuni dei problemi che possono sorgere includono i denti anteriori superiori inclinati, i denti anteriori inferiori inclinati, le mascelle superiori e inferiori disallineate e il tetto della bocca che si restringe da un lato all’altro.”

Abitudini sane

Quando un bambino ha una forte associazione di sonno con la bottiglia, ci sono spesso altri problemi che sorgono. Una preoccupazione significativa è dove un piccolo si addormenta mentre beve la bottiglia di andare a dormire o quasi immediatamente dopo, senza lavarsi i denti in mezzo. Ciò significa che stanno spendendo l’intera notte con residui di latte sui loro denti. Mentre il latte ha molte qualità salutari ed è una parte essenziale della dieta di un bambino, è naturalmente ricco di zuccheri e i denti sono particolarmente vulnerabili di notte, come spiega Anna:

“I denti sono più a rischio di notte perché c’è meno saliva in bocca per proteggerli. Di notte il latte sarà in contatto permanente bagnando i denti e lo smalto dei bambini non è forte come lo smalto degli adulti. L’acqua è la bevanda migliore per dare al momento di coricarsi come il latte contiene zucchero naturale, proprio come la frutta. Quando un bambino mangia continuamente, fa spuntini e consuma bevande che hanno zuccheri e altri carboidrati, i batteri in bocca vengono nutriti e producono acido. Questo attacca i denti che aumenta le possibilità di sviluppare decadimento. Questo può causare dolore, portare ad ascesso dentale, e può mettere quel bambino ad un rischio più elevato di decadimento in età adulta.

Con tutti gli alimenti e le bevande non è la quantità di zucchero o acido che hai, è la frequenza su cui sono avuti. Tenerli ai pasti solo per ridurre il rischio di decadimento. Inizia a spazzolare non appena compare il primo dente (di solito a circa 6 mesi di età), almeno due volte al giorno, specialmente di notte con il dentifricio al fluoro poiché continuerà a proteggere i denti mentre il bambino dorme.”

Si tratta di più di denti

Non sono solo i denti che possono essere colpiti quando un bambino si addormenta con la loro bottiglia – anche le loro orecchie sono a rischio. Mentre i bambini allattati artificialmente sono sempre più a rischio di infezioni dell’orecchio rispetto ai loro coetanei allattati al seno, il rischio è particolarmente elevato se un piccolo beve da una bottiglia mentre è sdraiato. Questo perché come un bambino succhia e ingoia in posizione orizzontale, fluido (e germi) fluiscono dalla gola nei tubi aperti dell’orecchio interno che possono causare infezioni. Nella mia esperienza, mentre pochissimi genitori permetterebbero al loro bambino di prendere una bottiglia sdraiata, mentre i più piccoli entrano nell’infanzia, questa pratica diventa più comune.

Anche il giorno conta

Intorno al loro primo compleanno è quando molti piccoli iniziano a camminare. Una volta che un bambino è toddling intorno al luogo, è probabile che prendere la sua bottiglia con lui. Sorseggiare continuamente tra i pasti influenzerà sia i suoi denti che il suo appetito. Dopo il primo anno, il cibo piuttosto che il latte dovrebbe essere la fonte primaria di nutrizione di un bambino. Ci sono buone prove che i bambini che stanno ancora bevendo da una bottiglia tendono a bere più dell’assunzione raccomandata di latte per la loro età. Questo può portare a carenze di minerali chiave come il ferro (e, a sua volta, i bambini con carenza di ferro hanno spesso problemi di sonno). Inoltre, la ricerca ha dimostrato un legame tra l’uso prolungato della bottiglia e l’obesità con i bambini che bevono ancora da una bottiglia al loro secondo compleanno con il 30% in più di probabilità di essere obesi di età compresa tra 5 e mezzo.

A volte i genitori avranno sostituito il contenuto della bottiglia con il succo – sfortunatamente questo è altrettanto male per i denti. L’opinione dell’esperto di Anna su questo è: “Anche i succhi e i frullati non zuccherati, dietetici e ridotti di zucchero contengono zucchero e acidi. Non metterli mai in biberon. Se il bambino ha sete, meglio dare loro acqua, piuttosto che incoraggiare il gusto per qualcosa di dolce. Il succo di frutta diluito (succo di 1 parte, 10 parti di acqua) può essere somministrato ai bambini dopo 6 mesi, ma tenerlo solo ai pasti. Succo non diluito / frullati sono ok dopo, ma solo dopo 5 anni e devono essere tenuti a non più di 150 ml, ancora una volta con un pasto solo. Per quanto riguarda le bevande gassate, è un no da parte mia”.

La finestra critica

Per quanto possa apparire scoraggiante perdere la bottiglia, c’è poco beneficio positivo per un piccolo che mantiene la bottiglia mentre si dirigono nel loro secondo anno. Infatti, i bambini passano attraverso una fase particolarmente acuta di sviluppo tra 15 e 18 mesi in cui si aggrappano strettamente agli elementi di sicurezza e la bottiglia è probabile che sia in cima alla lista se presenta ancora durante questo periodo chiave. Per questo motivo, i genitori avranno un tempo più facile svezzare il loro piccolo dalla bottiglia intorno al loro primo compleanno e certamente prima dei mesi 15. Può essere utile sostituirlo con un altro elemento di sicurezza come un peluche o un piumino.

Ecco come

Se il tuo piccolo ha 12 mesi( o più), ecco il mio consiglio per lo svezzamento della bottiglia…

  1. Introdurre una tazza se non l’hai già fatto. Potrebbe essere necessario sperimentare un po ‘ per trovare quello che si adatta meglio al tuo bambino. Se si dispone di un bambino più grande coinvolgerli nella scelta del loro nuovo, super-speciale “ragazzo intelligente” tazza. Non cercare di intrufolarsi il cambiamento – essere aperti e onesti con il vostro bambino su ciò che sta per accadere;
  2. Inizia ad eliminare le bottiglie una per una. Il più facile da iniziare è probabile che sia la bottiglia dell’ora di pranzo-o quella più vicina alla metà della giornata. Offri ancora il latte in questo momento ma servilo nella nuova tazza speciale. Se il tuo piccolo non vuole il latte nella sua tazza, non forzare il problema ma non tornare ad offrire una bottiglia.
  3. A seconda di quanto velocemente il tuo piccolo si adatta al cambiamento dell’ora di pranzo, pochi giorni dopo inizia a offrire il suo latte nel tardo pomeriggio/cena in una tazza invece di una bottiglia.
  4. Questo è probabile che vi lascerà con solo il wake-up e bottiglie di andare a dormire. Tuttavia, se ci sono altre bottiglie diurne seguire lo stesso processo per rimuovere uno ogni pochi giorni fino a quando solo le bottiglie di sveglia e di andare a dormire rimangono.
  5. Elimina prima la mattina semplicemente iniziando la giornata andando a fare colazione una volta che il tuo piccolo si sveglia per la giornata.
  6. Ultimo di tutti i lavori per eliminare la bottiglia di andare a dormire. Ci sono un paio di modi per farlo. Se il tuo piccolo non usa la sua bottiglia come parte dell’addormentarsi, e in particolare se si è adattato bene alle bottiglie diurne, potresti essere in grado di passare semplicemente il latte di andare a dormire da una bottiglia a una tazza. Spesso è il tempo one-to-one con un genitore e il comfort di una bella coccola che i più piccoli stanno cercando – queste cose possono ancora essere forniti! In effetti, incoraggerei attivamente i genitori a offrire ai loro figli maggiore conforto e rassicurazione durante questa transizione. Vogliamo sempre essere lavarsi i denti dopo l “ultimo latte della giornata in modo da una routine di latte, denti-pennello, coccole e storie poi letto è l” ideale.

Se il tuo piccolo è molto attaccato alla sua ora di andare a dormire e sai in fondo che è come sa addormentarsi, ci vorrà un po ‘ più di lavoro per diventare senza bottiglia. Questo perché tuo figlio non conoscerà ancora un modo diverso di addormentarsi. Questo è dove dolce sonno-coaching in grado di fornire gli strumenti e il supporto per guidare il vostro bambino attraverso questa transizione.

una Volta che avete costruito il vostro sonno del bambino capacità, in modo che egli può tranquillamente addormentarsi in un modo diverso, si può andare direttamente a offrire il suo latte in una tazza precedenti nella sua routine di andare a dormire (e sempre prima di lavarsi i denti), o continuare a usare la bottiglia a breve termine, ma continua, a ridurre la quantità di latte in bottiglia di almeno 50 ml ogni paio di giorni. Una volta che si è giù per l’equivalente di una tazza piena poi passare ad offrire in una tazza.

Non appena hai eliminato la bottiglia di andare a dormire, butta via ogni bottiglia che possiedi! Non essere tentato di mantenere uno” per le emergenze ” o che il vostro piccolo potrebbe accadere su. Rimuovere la bottiglia può richiedere settimane, ma una volta che l’interruttore è stato fatto, è una pietra miliare enorme sotto la cintura. I bambini si adattano notevolmente rapidamente, ma la coerenza è la chiave – se si ritorna a una bottiglia in preda alla disperazione per reinsediare un risveglio alle 3 del mattino o evitare una fusione particolarmente intensa, il confine si è spostato, il che è fonte di confusione per un bambino. L’uso intermittente della bottiglia, inevitabilmente, creerà più pianto di una linea ferma che quando è andata, è andata. Lo svezzamento della bottiglia per i bambini più di un anno è quasi universalmente consigliato per tutti i motivi discussi in questo articolo e mentre ricorrendo ad offrire può essere il percorso di minor resistenza a breve termine, sarà solo rendere più difficile sul vostro bambino la prossima volta che si tenta di rimuoverlo. È uno di quegli scenari in cui devi fidarti della tua esperienza di vita e dell’apprezzamento degli aspetti negativi dell’uso continuato della bottiglia, anche se ciò significa sconvolgere il tuo bambino a breve termine. Posso dirvi, con assoluta fiducia, che di tutte le famiglie che ho sostenuto per abbandonare la bottiglia, e ci sono stati centinaia, non uno solo ha trovato il processo così difficile come si aspettavano!

Questo articolo è stato scritto con molto apprezzato contributo di esperti da Anna Middleton, Igienista di Londra. Per saperne di più su Anna qui sotto e vedere i link al suo sito web e pagine di social media.

Informazioni su Anna

Anna è un’igienista dentale dedicata e appassionata. Ha iniziato la sua attività ‘Igienista di Londra’ con la missione di cambiare il modo in cui l’assistenza sanitaria orale viene consegnata ai pazienti.

Anna ha studiato presso l’Eastman Dental Hospital dopo aver lavorato come infermiera dentale e si è laureata nel 2015 presso la Facoltà del Royal College of Surgeons. Dal momento che le qualifiche Anna ha attirato una sempre crescente e fedele base di clienti da parte del pubblico,stampa e celebrità. Questo – insieme al suo servizio dentale superiore e senza rivali nel cuore di Londra-significa che Anna è considerata una delle igieniste più popolari e ricercate a Londra e una stella nascente nel settore.

Anna è un opinion leader chiave per Philips, un esperto di panel di salute orale a Confrontare il trattamento e un ambasciatore per la British Society of Hygienists and Therapists.

Soluzioni di sonno on-Demand

Quando il bambino non dorme bene, può essere tutto-consumando. Lo so perché ci sono stato! Per risparmiare passare ore a pesca a strascico su Internet, solo per finire più confuso di quando hai iniziato, ho creato Soluzioni di sonno On-Demand-che consente di accedere alle informazioni di migliore qualità e migliorare delicatamente il sonno del vostro piccolo, senza lacrime o formazione.
Sleep Basics On-Demand è una serie di dieci video concisi e facili da digerire per aiutarti a inchiodare i sonnellini, bandire l’aumento precoce e tutto il resto, mettendo le mie conoscenze ed esperienze a portata di mano 24 ore al giorno.

Solo 10.00

Acquista ora

Condividi:
TwitterFacebookPinterest

Storia:
Precedente / Successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.