Preevid

Dopo aver cercato i soliti database, abbiamo selezionato 1 Sintesi delle prove (SE) di Uptodate, 1 recensione narrativa, 1 capitolo di eMedicina e 4 casi sulla gestione dell’imene imperfetto (HI) nelle ragazze e/o negli adolescenti. Tutti i documenti concordano sul fatto che il trattamento di scelta per l’HI nelle ragazze e / o negli adolescenti di qualsiasi età è chirurgico.

Uptodate SE sulla diagnosi e gestione delle anomalie congenite della vagina(1) indica che le anomalie dell’imene sono derivate dalla degenerazione incompleta della porzione centrale dell’imene. HI è una delle lesioni ostruttive più comuni del tratto genitale femminile. Alla nascita, i bambini possono avere un introitus sporgente dovuto i mucocolps delle secrezioni vaginali stimolate dall’estradiolo materno. Se la diagnosi non viene fatta come un neonato e l’imene rimane imperfetto, il muco sarà riassorbito e la ragazza di solito rimane asintomatica fino al menarca. A quel tempo, la ragazza adolescente può avere una storia di dolore addominale o pelvico ciclico e ematocolpo, che può portare a scolorimento bluastro dell’imene. Il gonfiore marcato della vagina può anche portare a mal di schiena, dolore durante la defecazione o difficoltà a urinare.

In termini di trattamento, sottolinea che la riparazione dell’imene può essere eseguita a qualsiasi età; tuttavia, la riparazione è facilitata se i tessuti hanno subito la stimolazione degli estrogeni. Pertanto, la chirurgia è ideale nei periodi neonatale, post-puberale o premenarchico. La riparazione chirurgica, eseguita in anestesia, consiste in un’incisione ellittica nella membrana vicino all’anello imenale, seguita dall’evacuazione del materiale ostruito. Il tessuto extraimenale viene tagliato mediante elettrocauterizzazione per creare un foro di dimensioni normali e la mucosa vaginale viene suturata all’anello imenale con sutura vicryl 3-0 o 4-0 o sutura cromata per prevenire l’adesione e il ripetersi dell’ostruzione.

La SE parla anche di fenestrazione incompleta dell’apertura dell’imene nelle donne adulte, che è spesso asintomatica. I pazienti possono richiedere una valutazione ginecologica a causa dell’incapacità di inserire tamponi, docce o creme vaginali o a causa di difficoltà con il rapporto sessuale. Inoltre, le donne con imene microperforato possono presentare macchie o odori postmenstruali a causa di ostruzione parziale e scarso drenaggio. Se i prodotti mestruali non vengono completamente evacuati dalla vagina, il sangue trattenuto può essere infettato e portare ad ascessi bilaterali del tubo ovarico. Il trattamento dell’imene microperforato, settato e cribriforme comporta la resezione del tessuto imenale in eccesso per creare un anello imenale funzionale, come descritto sopra. Il tessuto imenale in eccesso viene rimosso con l’uso di elettrocauterizzazione e le suture interrotte vengono posizionate per ri-approssimare il tessuto.

Una revisione narrativa dei difetti congeniti del sistema riproduttivo femminile(2) indica che, tipicamente, un adolescente con un’anomalia imenale presenta una marcata distensione vaginale, dolore alla schiena, dolore pelvico ciclico o persistente, disturbi di difficoltà nell’inserire o rimuovere tamponi e difficoltà a urinare a causa di ematocolpi. Quando si esaminano i genitali esterni, si possono vedere quantità variabili di tessuto imenale in eccesso o rigonfiamento perineale con un imene traslucido bluastro a causa della raccolta del sangue mestruale.
Si raccomanda il rinvio o la consultazione per l’ecografia tridimensionale o la risonanza magnetica per valutare l’ostruzione distale o l’anomalia renale. Una volta valutate, le donne possono essere indirizzate per la valutazione per una possibile imenectomia. Propone due tipi di trattamento: medico (tecniche di dilatazione, con dilatatori progressivamente più grandi, anche se queste procedure possono essere molto difficili per un adolescente) e chirurgico.

eMedicina capitolo sulla gestione e il trattamento di HI (3) fa raccomandazioni terapeutiche mediche e chirurgiche:

  • Medico: dopo la presentazione iniziale e sospetta diagnosi di un’anomalia ostruttiva in un adolescente, l’uso di contraccettivi orali somministrati continuamente per sopprimere le mestruazioni consente il sollievo sintomatico e il tempo essenziale necessario per ottenere ulteriori studi diagnostici. Inoltre, l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei può fornire sollievo dal dolore; analgesici narcotici possono anche essere richiesti.
  • Chirurgico: i tempi della terapia chirurgica si basano sulla presenza di sintomi. Un mucocele sintomatico che si manifesta in un neonato deve essere adeguatamente trattato ma non è considerato un’emergenza chirurgica. Se un paziente asintomatico viene diagnosticato con HI senza mucocele durante l’infanzia, questo paziente può essere trattato dopo l’inizio della pubertà e prima dello sviluppo di ematocolpos o ematometra. La presenza di stimolazione degli estrogeni durante la pubertà facilita la riparazione chirurgica e la guarigione.

Sebbene il trattamento tempestivo di HI sia appropriato quando si verifica in un adolescente con ematometra e ematocolpos, la procedura non deve essere eseguita urgentemente, senza un’adeguata valutazione preoperatoria. La correzione chirurgica deve essere definitiva.
Importante: non utilizzare una tecnica diagnostica (ad es., Aspirazione dell’ago in ufficio) per confermare la diagnosi, in quanto ciò può consentire l’introduzione di batteri in ematocolpos sterili o ematometri, preparando lo stadio per piocolpos o piometrio e può influire negativamente sulla fertilità.

Diversi casi di ragazze di età compresa tra 11 e 16 anni con sintomi di HI (4-7) concordano per evidenziare l’importanza di un’attenta valutazione delle ragazze/adolescenti che si presentano con HI, che a volte è accompagnata da altre anomalie del tratto riproduttivo femminile. In molti casi, la diagnosi passa inosservata fino alla pubertà e debutta con dolore addominale ciclico negli adolescenti che non hanno avuto menarca. Quindi è della massima importanza che venga fatta una diagnosi corretta e tempestiva in modo che il trattamento giusto possa essere scelto con la prospettiva della fertilità futura.
Indicare come trattamento di scelta l’imene plasty: apertura della membrana imeneale. La tecnica più accettabile è quella di effettuare incisioni stellate attraverso la membrana imeneale con escissione dei bordi. Un’apertura di circa un dito dovrebbe essere lasciata per evitare che il foro si chiuda di nuovo e per garantire lo scarico. Una corretta profilassi antibiotica aiuta a ridurre l’incidenza di complicanze infettive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.