La presenza di uno spostamento laterale dell’anca durante l’accovacciamento è associata a mobilità alterata e controllo neuromuscolare

X

Privacy & Cookie

Questo sito utilizza cookie. Continuando, accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni, tra cui come controllare i cookie.

Capito!

Pubblicità

Ogni anno il Dipartimento di Scienze dell’Esercizio e dello Sport riconosce tre diversi studenti master, uno per ogni area di specializzazione, per il loro eccezionale progetto di tesi. Questa settimana evidenziamo l’eccezionale lavoro di Kerry Peterson, MA, ATC (classe 2015 nell’area di specializzazione della preparazione atletica), che ha condotto la sua tesi sotto la direzione del Dr. Bill Prentice e dei membri del comitato Tim Mauntel e Darin Padova. Molte grazie a Kerry e Dr. Prentice per fornire contenuti EXSS Impatto di questa settimana.

Restate sintonizzati per i futuri post EXSS Impact in cui riconosceremo i nostri altri eccezionali destinatari del premio di tesi e metteremo in evidenza i loro risultati di ricerca.

Perché hai fatto questo studio?

allineamento posturale Proiezioni cliniche del movimento come lo squat in testa sono state sviluppate per identificare individui che mostrano modelli di movimento disfunzionali. La ricerca precedente ha identificato i modelli anormali di attivazione muscolare e la gamma degli arti inferiori delle differenze di movimento che contribuiscono a modelli di movimento difettosi che possono aumentare il rischio di lesioni. Il movimento dinamico del valgo del ginocchio è un modello di movimento difettoso comunemente identificato e un predittore primario delle lesioni degli arti inferiori. Dynamic knee valgus angle combina i movimenti di rotazione dell’anca e del ginocchio e l’adduzione dell’anca su un piede fisso. Un maggiore movimento di adduzione dell’anca è stato collegato a lesioni ACL, osteoartrite, sindrome della banda iliotibiale e fratture da stress tibiale. Allo stesso modo, maggiore adduzione dell’anca e rotazione interna, e meno gamme dorsiflessione di movimento sono stati trovati in individui con sindrome di dolore rotuleo-femorale.

Ricerche precedenti hanno stabilito relazioni tra controllo neuromuscolare, gamma passiva di misure di movimento e modelli di movimento disfunzionali. I modelli di attivazione muscolare degli arti inferiori prossimali sono stati teorizzati per influenzare il posizionamento articolare distale. Gli individui che visualizzano il valgo del ginocchio durante le attività accovacciate mostrano rapporti di co-attivazione dell’adduttore gluteo-anca più piccoli rispetto a quelli che mantengono un allineamento neutro del ginocchio. Allo stesso modo, una maggiore attivazione dell’adduttore dell’anca è stata collegata a un maggiore movimento di adduzione dell’anca. L’adduzione dell’anca è stata anche collegata a una minore dorsiflessione e a un maggiore movimento di rotazione interna dell’anca durante le attività di squat e step-down. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire meglio le relazioni tra i modelli di attivazione muscolare, le gamme di movimento degli arti inferiori e i modelli di movimento disfunzionali.

Pertanto, lo scopo di questo studio era determinare l’attivazione muscolare dell’anca e la gamma di movimenti degli arti inferiori che contribuiscono allo spostamento laterale dell’anca durante lo squat sopraelevato. Una volta identificati i fattori che contribuiscono, i medici saranno meglio in grado di sviluppare programmi di intervento e migliorare la qualità del movimento. La correzione dei modelli di movimento disfunzionali può comportare una diminuzione del verificarsi di lesioni.

KP

Il partecipante a sinistra visualizza l’allineamento normale durante l’esecuzione del compito di squat a doppia gamba ed è rappresentativo del partecipante nel gruppo di controllo. Il partecipante a destra mostra uno spostamento dell’anca sul lato sinistro (come indicato dalla freccia rossa) ed è rappresentativo del partecipante nel gruppo di spostamento dell’anca.

Cosa hai fatto e cosa hai trovato in questo studio?

Quaranta soggetti sono stati assegnati a uno spostamento dell’anca o a gruppi di controllo in base alle osservazioni durante l’esecuzione di uno squat sopraelevato (Figure 1 e 2). I dati EMG per i glutei e gli adduttori dell’anca sono stati campionati durante lo squat sopraelevato. Sono stati valutati rotazione interna ed esterna dell’anca, abduzione dell’anca, estensione del ginocchio e gamma di movimento dorsiflessione. Il gruppo di spostamento dell’anca aveva meno abduzione dell’anca e gamma dorsiflessione di movimento nell’arto spostato verso rispetto all’arto spostato lontano da. I risultati di questo studio suggeriscono che gli individui che mostrano uno spostamento dell’anca durante uno squat sopraelevato hanno meno dorsiflessione, meno gamma di movimento di abduzione dell’anca e maggiore gamma di movimento di rotazione interna dell’anca sull’arto spostato verso. I risultati suggeriscono anche che i soggetti con spostamento dell’anca possono avere una diminuzione dell’attivazione del gluteo medio rispetto al gruppo di controllo.

In che modo questi risultati hanno un impatto sul pubblico?

Anterior_Hip_Muscles_2 I medici di medicina dello sport utilizzano screening clinici del movimento per osservare visivamente la cinematica degli arti inferiori durante le attività funzionali. Questi screening possono identificare le persone ad alto rischio di lesioni senza contatto e gli elementi sottostanti che contribuiscono ai modelli di movimento disfunzionali. Può anche rilevare squilibri asimmetrici specifici per ogni atleta, che possono essere fattori predisponenti di per sé.

Questi risultati possono aiutare a guidare i programmi di prevenzione e riabilitazione delle lesioni degli arti inferiori. Gli individui che mostrano uno spostamento dell’anca possono trarre beneficio dalla riabilitazione focalizzata sull’aumento della rotazione interna femorale dell’arto controlaterale e della dorsiflessione dell’arto ipsilaterale. Gli individui possono anche trarre beneficio dall’inibizione e dallo stiramento degli adduttori dell’anca sull’arto ipsilaterale.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.