Il Helms Emendamento: 47 Anni, di Negare la Salute Riproduttiva e Diritti

Il Biden-Harris amministrazione offre qualche speranza per la salute riproduttiva, di diritti e di giustizia, ma a meno che il Helms Emendamento è abrogata, le persone a basso-medio reddito paesi continueranno ad essere negato l’accesso a servizi per l’aborto.

Negli ultimi quattro anni, l’amministrazione Trump ha sistematicamente tentato di ripristinare la salute e i diritti sessuali e riproduttivi a livello globale. I loro attacchi anti-diritti mettono gli Stati Uniti in contrasto con il resto del mondo e diminuiscono la sua leadership storica sulla salute globale e sui diritti umani. Non solo il presidente eletto Biden deve adottare un’agenda audace per annullare i danni inflitti dalle politiche anti-diritti di Trump, ma la sua amministrazione e il Congresso devono abrogare in modo proattivo tutte le politiche estere degli Stati Uniti che vietano l’accesso ai servizi di aborto. Questo include sostenere l’aborto è Health Care Everywhere Act, che abroga l’emendamento Helms ed è stato introdotto dal Rep. Jan Schakowsky questa estate.

“Dal 1973, l’emendamento Helms ha vietato qualsiasi aiuto straniero degli Stati Uniti da essere utilizzato per ‘l’esecuzione di aborto come metodo di pianificazione familiare.”In pratica, Helms ha vietato a tutti i fondi di assistenza esteri degli Stati Uniti di essere utilizzati per qualsiasi cura per l’aborto. Come il più grande finanziatore del governo della salute globale, tra cui la pianificazione familiare e servizi di salute riproduttiva, gli Stati Uniti dovrebbero essere intensificare e fare tutto il possibile per prevenire i risultati negativi di salute materna. Ma invece abbiamo un linguaggio arcaico che crea una linea arbitraria tra l’aborto e tutti gli altri servizi sanitari, limitando l’accesso alle cure critiche, in particolare nel Sud del mondo. È chiaramente sbagliato per gli Stati Uniti costringere un fornitore di assistenza sanitaria in un altro paese a scegliere tra limitare le cure che possono dare ai pazienti e mantenere i finanziamenti critici. I medici si impegnano a non fare del male”, afferma il rappresentante Jan Schakowsky (D-IL).

L’emendamento Helms è stato firmato in legge come parte del Foreign Assistance Act il 17 dicembre 1973 dopo essere stato scritto dall’allora Sen. Jesse Helms( R-NC), un politico noto per le sue posizioni razziste e discriminatorie. L’emendamento vieta l’uso di fondi di assistenza esteri degli Stati Uniti per “l’aborto come metodo di pianificazione familiare.”In effetti, è implementato come un divieto di finanziamento per l’aborto e nega a milioni di persone per lo più nere e marroni nei paesi a basso-medio reddito l’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno e vogliono.

“L’emendamento Helms è una reliquia razzista radicata in una politica estrema anti-aborto piuttosto che in una sana politica sanitaria globale. Per più di quattro decenni, ha limitato l’accesso ai servizi legali di aborto, aumentato lo stigma e derubato le persone incinte del loro diritto di prendere decisioni sulla propria salute e vita. Anche se gli Stati Uniti e la comunità globale hanno fatto grandi passi avanti nel riconoscere e sostenere i diritti sessuali e riproduttivi dal 1973, l’emendamento Helms continua a infliggere danni e minare i diritti umani per le comunità emarginate in tutto il mondo. Se l’arrivo di Biden amministrazione vuole ristabilire gli Stati Uniti come leader di ” salute globale e diritti umani, il Congresso deve passare l’Aborto è la Salute Cura Ovunque Atto per eliminare NOI sponsorizzato da barriere di cura e assicurare che le persone di tutto il mondo hanno accesso all’aborto sicuro e legale servizi,” ha detto Nina Besser Doorley, Direttore Associato dell’Avvocatura e Politica presso l’International Women’s Health Coalition (IWHC).

Limitare gli aiuti esteri degli Stati Uniti per l’aborto è dannoso per la salute e il benessere delle persone in tutto il mondo. Le barriere all’accesso alle cure abortive troppo spesso significano che l’unica opzione delle persone è quella di cercare un aborto in condizioni considerate non sicure —a livello globale, più di 35 milioni di persone abortiscono in condizioni non sicure ogni anno. Di conseguenza, decine di migliaia di persone muoiono e altri milioni affrontano lesioni e complicazioni pericolose.

Nel mese di luglio, Rep. Jan Schakowsky (D-IL), un Senior Chief Deputy Whip e presidente del Congressional Pro-Choice Caucus Providers and Clinics Task Force, ha introdotto l’Abortion is Health Care Everywhere Act, con i rappresentanti originali co-sponsor. Il film è stato girato in Francia, Francia, Francia, Francia, Francia, Francia, Italia, Francia, Italia, Francia, Italia, Francia, Italia, Francia, Italia, Italia, Francia, Italia, Italia, Francia, Italia, Francia, Italia, Italia, Francia, Italia, Italia, Italia, Italia, Italia. Il disegno di legge è attualmente cosponsored da più di 120 rappresentanti nel 116 ° Congresso. Questa è stata la prima volta in 47 anni che i membri del Congresso hanno introdotto una legislazione autonoma per abrogare l’emendamento Helms.

“L’emendamento Helms impone restrizioni arbitrarie e medicalmente inutili sull’aborto alle comunità internazionali, consentendo agli Stati Uniti di controllare l’assistenza sanitaria e l’autonomia corporea di miliardi di persone nere e marroni in tutto il mondo. Quando le persone non sono autorizzate a prendere le proprie decisioni sulla salute riproduttiva e hanno accesso limitato all’assistenza sanitaria vitale, ha conseguenze disastrose per la loro salute. Costa delle vite. Se siamo seri sulla giustizia razziale e riproduttiva in tutto il mondo, allora dobbiamo abrogare l’emendamento Helms, e questo è esattamente ciò che intendiamo fare”, afferma la deputata Schakowsky.

L’amministrazione Biden-Harris può mostrare agli americani, e al resto del mondo, che sostengono la libertà riproduttiva sostenendo l’aborto è l’assistenza sanitaria ovunque. È tempo di porre fine a quasi cinque decenni di danni.

Immediatamente dopo il suo insediamento, il presidente Biden deve emettere un ordine esecutivo che dichiari l’impegno della sua amministrazione a proteggere i diritti sessuali e riproduttivi e ampliare l’accesso a un’assistenza sanitaria riproduttiva completa, incluso l’aborto, non solo negli Stati Uniti ma a livello globale. La nuova amministrazione si è impegnata a revocare la global gag rule (nota anche come “politica di Città del Messico”), un memorandum presidenziale che proibisce alle organizzazioni straniere che ricevono assistenza sanitaria globale degli Stati Uniti di utilizzare i propri fondi per fornire servizi di aborto, informazioni, consulenza o rinvii e di impegnarsi in advocacy per espandere l’accesso all’aborto. Ma con l’emendamento Helms in atto, il più grande finanziatore governativo della salute riproduttiva nel mondo—il governo degli Stati Uniti—continua a trascurare, stigmatizzare e separare la cura dell’aborto.

Un’ampia coalizione di organizzazioni globali di difesa della salute riproduttiva e dei diritti, ricerca e fornitura di servizi ha lavorato per mitigare e affrontare i danni causati da Helms per anni. Il disegno di legge è attualmente approvato da più di 115 organizzazioni.

Maggiori informazioni possono essere trovate a repealhelms.org e congress.gov.

Contatto: Liza Kane-Hartnett
[email protected]; (+1) 917.498.3346

Foto: Jonathan Torgovnik / Getty Images / Immagini di Empowerment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.