Come aiutare gli studenti che lottano accademicamente

Abbiamo avvisi precoci, trilli comportamentali e promemoria automatici, nonché consulenti intrusivi; laboratori di matematica walk-in; centri di scrittura, lingua straniera e scienza; tutor peer; gruppi di studio peer-led; tutorial online; istruzione supplementare e, naturalmente, ore di ufficio della facoltà.

Ma un problema persiste: come facciamo a far sì che gli studenti accademicamente in difficoltà approfittino dei supporti che offriamo?

È triste ma vero: la maggior parte degli studenti in difficoltà non utilizza i nostri servizi di supporto accademico even anche se le prove della loro efficacia sono schiaccianti.

Puoi portare i cavalli all’acqua, ci è stato detto, ma non puoi costringerli a bere.

Molti studenti lottano non perché sono sottopreparati o immotivati, socializzano troppo o non sono “abbastanza intelligenti” o “materiale universitario”, ma per altri motivi. Certo, alcuni studenti sono distratti o sfocati e incapaci di destreggiarsi con successo tra famiglia, lavoro e responsabilità accademiche. Ma per molti, il problema è che non sanno come studiare in modo efficace o elaborare il materiale presentato in classe o fare test o scrivere un saggio efficace a livello universitario, o applicare conoscenze e metodi a nuovi contesti.

I nostri centri di apprendimento possono aiutare programs con programmi ponte, workshop, sessioni di tutoraggio, istruzione supplementare e sessioni di competenze di studio sessions ma solo se gli studenti frequentano. E che si rivela essere un grande ” ma.”

È perché gli studenti non sono a conoscenza di questi supporti? No.

È in gran parte a causa della mentalità e dell’atteggiamento:

  • Che l’utilizzo di tali servizi è un segno di inadeguatezza.
  • Che questi servizi non sono realmente destinati a studenti come loro.
  • Che questi servizi non faranno la differenza.

Ironia della sorte, atteggiamenti che a volte sono considerati utili-grinta, perseveranza, persistenza-possono aggravare il problema. Tali atteggiamenti possono incoraggiare comportamenti controproducenti generando una mentalità” fai-da-te”.

Molti studenti in difficoltà sentono che se lavorano solo di più, il successo seguirà. Ma senza un aiuto esterno, tali sforzi, troppo spesso, si rivelano inutili. Di conseguenza, i nostri servizi di supporto non raggiungono questi studenti.

Quali tipi di supporti accademici funzionano meglio con gli studenti in difficoltà?

Alcuni approcci sono evidenti:

  • Spot studenti che lottano presto.
  • Essere proattivi. Avvisare gli studenti del loro bisogno di aiuto.
  • Informare gli studenti dei servizi di supporto disponibili.

Ma se vogliamo motivare gli studenti in difficoltà a sfruttare veramente le nostre strutture di supporto, altre strategie sono essenziali.

1. Integrare la formazione delle competenze di studio nell’esperienza accademica.

I corsi di studio autonomi e non creditizi attirano pochi studenti presso gli istituti pendolari. L’alternativa è quella di incorporare le competenze di studio in classi o offrire corsi di studio-competenze per alcuni, per quanto piccola, quantità di credito accademico.

2. Lavorare sulla mentalità degli studenti.

Fai sapere agli studenti: andare in un centro di apprendimento non significa che sei stupido. Gli studenti non riescono a sfruttare i servizi di supporto per molte ragioni, ma il principale riguarda la mentalità: una mentalità pull-yourself-up-by-the-bootstraps che spesso nasce da un senso di insicurezza o inadeguatezza o disconnessione da istruttori, compagni di classe e l’istituzione nel suo complesso.

Spargi la voce: i servizi di supporto funzionano. Incoraggia i tuoi studenti a sfruttare i centri di apprendimento.

3. Riconoscere l’importanza della facoltà.

Faculty mentoring e materia mentale. È essenziale che la facoltà trasmetta determinati messaggi:

  • Che i tuoi studenti siano pienamente in grado di avere successo nella tua classe.
  • Che il tuo obiettivo come insegnante è quello di portare tutti gli studenti ad almeno un livello minimo di competenza.

Guida gli studenti a tutorial e altre risorse didattiche che possono utilizzare per rimediare alle debolezze. Raggiungere gli studenti personalmente e motivarli. Un aumento dell’interazione studente-facoltà aiuta a superare il senso di disconnessione degli studenti. Dimostrare un interesse personale nel loro progresso accademico.

4. Renditi conto che la progettazione del corso può fare una grande differenza.

  • Incorporare la diagnostica precoce nel corso per aiutare gli studenti a comprendere meglio le lacune nelle loro conoscenze e competenze.
  • Integra l’apprendimento collaborativo nella tua classe, poiché gli studenti assorbono molte informazioni preziose dai compagni di classe e sviluppano un più forte senso di appartenenza.
  • Coinvolgi gli studenti con compiti che affrontano sfide autentiche o imitano la pratica professionale.
  • Prendi sul serio la preparazione degli studenti per gli esami e altri incarichi high-stakes. Spiega cosa stai cercando. Considera di chiedere agli studenti di suggerire domande d’esame. Chiedi alla tua classe di creare o valutare in modo collaborativo una risposta di esempio o redigere una rubrica di classificazione.

Ho creduto a lungo che se uno studente fallisce, potrebbe essere il problema dello studente, ma se molti scivolano attraverso le fessure, questo è il mio problema. Le nostre istituzioni investono enormi risorse nei servizi di supporto all’apprendimento. È nostra responsabilità garantire che gli studenti traggano vantaggio da tali servizi.

Steven Mintz è consigliere senior del presidente dell’Hunter College per il successo degli studenti e le iniziative strategiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.